Alimentazione durante la Chemioterapia

Forse anche tu, lungi dall’augurarlo, non sia mai, che stai leggendo hai un conoscente, un’amica o peggio un familiare che sta affrontando la dura via della chemioterapia per vincere un cancro e questa battaglia non solo va vinta, va vinta la guerra e il cancro deve essere sconfitto per sempre. Questa deve essere lo spirito per affrontare questa difficile malattia, con la consapevolezza che la medicina può, oggigiorno, fare tanto ma che la stessa persona deve mettere tutto il suo carattere, la volontà, la positività che sono elementi fondamentali per guarire.

I progressi della medicina

La medicina ha fatto e continua ogni giorno a fare passi da gigante nella via che porterà alla sconfitta definitiva del Cancro. Le migliori menti mondiali sono impegnate nella ricerca in questo campo e le possibilità di guarire dal cancro oggi sono notevolmente superiori a quello che era anni fa.

Il merito è delle terapie sempre più efficaci ma soprattutto alla possibilità che la tecnica fornisce per giungere a diagnosi sempre più precoci che moltiplicano la possibilità di vittoria. Si stanno studiando e sperimentando cure di nuova concezione, prime tra tutte le terapie geniche ma al momento la terapia principale è e resta la Chemioterapia.

Questa consiste nell’uso di farmaci ad alta tossicità che hanno la funzione fondamentale di uccidere le cellule cancerose ma nel fare questo, purtroppo, si riscontrano anche effetti collaterali poco evitabili. Tra i più rischiosi c’è la depressione del sistema immunitario che espone i pazienti in cura alla suscettibilità a contrarre altre malattie e comunque ci sono effetti collaterali della Chemioterapia che sono solo parzialmente mascheratili con altri farmaci. 

Chi sta sostenendo questa guerra contro il Cancro deve essere sostenuto, non deve mai in nessun momento sentirsi solo in questa dura battaglia, senza compatimenti ma attraverso una vita il più normale possibile in attesa di tornare alla piena normalità, guarita. Tralasciamo la caduta dei capelli, un fatto puramente estetico che si può, volendo temporaneamente risolvere con una parrucca ma che poi, terminata la cura ricresceranno più belli e forti di prima. 

La Chemioterapia provoca nausea, vomito, dolori, persino flebiti alle caviglie, prevalentemente, malfunzionamenti del fegato, dell’intestino, dei reni. Con la giusta alimentazione possiamo aiutare la persona in chemioterapia a risolvere questi problemi. Non conviene prendere integratori vitaminici in questa fase dal momento che è stato scoperto che alcune vitamine potrebbero anche dare slancio al cancro e non è il caso di aiutarlo.

Dal momento che la Chemioterapia consiste in farmaci ad alta tossicità, l’alimentazione deve essere focalizzata su alimenti ricchi di sali minerali anche perché con il vomito se ne perdono parecchi, alimenti che contengano alte dosi di sostanze antiossidanti e depuranti per l’organismo, per aiutare fegato e reni, soprattutto a funzionare meglio.

Gli alimenti migliori da consumare durante la chemioterapia

Tra gli alimenti migliori in questo senso, certamente il cavolo, soprattutto il cavolo nero ma anche finocchi, carciofi, cicoria, ad esempio. Una grande funzione può avere la frutta, l’anguria che reintegra i liquidi ma che ha quantità considerevoli di antiossidanti e sostanze depurative.  Certo, bisogna capire che l’appetito durante queste terapie è molto ridotto e che taluni cibi possono addirittura risultare ripugnanti, quindi bisogna provare vari cibi fino a trovare quello tollerato.

Durante i momenti in cui nausea e vomito sono maggiormente acuti, dei crackers o dei grissini possono essere d’aiuto. Tutto quello che ti stiamo dicendo va bene ma la figura di riferimento in ogni caso è il medico, nella fattispecie l’Oncologo che ti saprà consigliare per il meglio al fine di realizzare la migliore qualità di vita possibile anche nel corso della Chemioterapia.

Un grande abbraccio solidale a tutte le persone malate e a chi soffre nel vedere la persona cui tiene soffrire: Vincere! Ce la farai.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*